Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
immagine
Cronaca
La sindaca dovrebbe essere ascoltata dai magistrati romani la prossima settimana

 

ROMA - Il sindaco di Roma Virginia Raggi risulta indagata nell'inchiesta relativa alla nomina a capo del Dipartimento turismo del Campidoglio di Renato Marra, fratello di Raffaele, ex capo del personale del Comune poi arrestato. La nomina successivamente è stata revocata. Sull'episodio la Procura di Roma aveva aperto un fascicolo coordinato dall'aggiunto Paolo Ielo. Raggi - a quanto si apprende - è indagata per abuso d'ufficio e falso in atto pubblico relativamente alla nomina del fratello di Raffaele Marra, Renato, alla direzione del Dipartimento Turismo. La sindaca dovrebbe essere ascoltata dai magistrati romani la prossima settimana.

"Oggi mi è giunto un invito a comparire dalla Procura di Roma - scrive su Fb la sindaca di Roma Virginia Raggi - nell'ambito della vicenda relativa alla nomina di Renato Marra a direttore del dipartimento Turismo che, come è noto, è già stata revocata. Ho informato Beppe Grillo e adempiuto al dovere di informazione previsto dal Codice di comportamento del MoVimento 5 Stelle". 

Regione Lazio
Legambiente
Il miglioramento riguarda solo i pendolari che viaggiano sulle linee della Regione gestite da Trenitalia
immagine

Redazione

Legambiente ha pubblicato il dossier nazionale Pendolaria 2016, con tutti i numeri relativi al trasporto ferroviario, metropolitano e tramviario d’Italia. Nel Lazio ci sono ben 540.000 pendoalari sulle tratte ferroviarie, quasi tutte tra i primissimi posti nella classifica delle più frequentate. Nel Lazio ci sono un totale di 383 treni, la cui età media è di 16,9 anni (a fronte di una età media nazionale di 17,2 anni) e nella nostra Regione il 27,1% dei treni ha più di 15 anni (il 69% in Italia). Mentre a Roma e per le linee ATAC la situazione è molto peggiore, i treni ed il servizio dell’azienda di trasporti comunale sono tra i peggiori in assoluto sulla Roma-Lido e la Roma-Viterbo, e i 154 tram romani (ce ne sono ben 663 a Milano e 189 a Torino), hanno una media età di 22,1 anni (media nazionale 13,5) e il 100% ha più di 15 anni (in italia il 30%) Intanto gli utenti delle metropolitane romane si attestano a 308.130.000 all’anno e 941.870.000 nei bus. Il miglioramento riguarda solo i pendolari che viaggiano sulle linee della Regione gestite da Trenitalia.
 
Si sta infatti sostituendo ben l’80% del materiale rotabile grazie ai fondi regionali e al contratto di servizio che ha già permesso la messa su binario di 36 nuovi treni tra Jazz e Vivalto e di programmare la sostituzione di altri treni. Da nuovo contratto di servizio firmato alla fine del 2016 tra Regione e Trenitalia si prevede uno stanziamento annuale a Trenitalia di 225 mln di euro con un investimento complessivo di 539,2 milioni di euro (444,2 mln da Trenitalia e 95 mln dalla Regione Lazio) e grazie a queste risorse saranno acquistati 15 nuovi treni jazz, 114 nuove vetture Vivalto e sarà effettuato il revamping di 46 treni ad AF. Molto diversa la situazione sulle linee gestite da Atac, dove la qualità del servizio è davvero pessima per i pendolari, con treni vecchissimi, sporchi e in perenne ritardo in particolare sulle linee Roma-Lido di Ostia e Roma-Viterbo considerate tra le peggiori d’Italia da anni. Roma poi non ha visto realizzare nel 2016 nessun centimetro di tram, metro o nuovi binari ferroviari, mentre nel 2015 erano stati aperti 6,9 km di linee metro tra prolungamento della B1 (1,5 km) e della C (5,4 km) e a oggi, l’unico progetto finanziato riguarda il prolungamento di 3,6 chilometri della metro C fino a Colosseo, mentre non è aperto nessun cantiere di tram: a questi ritmi Roma, per recuperare la distanza e raggiungere la media di dotazione delle altre città europee (in termini di metropolitane ogni 1.000 abitanti), dovrà attendere 80 anni.
 
“C’è un miglioramento sul fronte dei treni regionali del Lazio con il nuovo contratto di servizio tra Regione e Trenitalia al quale però corrisponde una sempre scadente offerta di spostamento per le linee gestite da ATAC a Roma – dichiara Roberto Scacchi Presidente di Legambiente Lazio – in più lo sviluppo della mobilità su ferro è completamente immobile nella capitale, considerando che nel 2016 non c’è stato neanche un metro di nuovi binari. È evidente che se gli investimenti sulle ferrovie regionali stanno dando un’accelerazione al miglioramento della qualità di viaggio sui treni nel Lazio, altrettanto non avviene a Roma. La capitale, a questo ritmo di messa su strada di nuovi binari,impiegherà 80 anni per adeguarsi allo standard delle grandi città europee; avviare la cura del ferro, cantierare nuove linee tramviarie e realizzare i prolungamenti già previsti delle metropolitante è indispensabile per provare a ridurre il gap e cambiare in meglio il volto della città intera”. Intanto è dei giorni scorsi il finanziamento regionale per ATAC di 85 milioni da investire sulle linee Roma-Lido e Roma-Viterbo e il cambio di gestione dei tracciati e delle stazioni delle stesse ferrovie che passano a RFI, azioni queste viste con favore dagli ambientalisti del cigno verde.
Roma
La bagarre
Amministrazione comunale: "Le dimissioni della capo Area non influenzeranno in alcun modo l'iter per giungere all'approvazione del bilancio preventivo 2017"
immagine

 

Red. Politica


ANGUILLARA (RM) - Botta e risposta ad Anguillara tra opposizioni e maggioranza di Governo. Dopo le dimissioni del Capo Area Ragioneria Simona Lelli, seguite a quelle del Responsabile dell'Area Tecnica, è infatti stata diramata una nota stampa a firma dei rappresentanti comunali di centro destra e centro sinistra, oltrechè dal presidente di AnguillaraSvolta Sergio Manciuria, in cui non si sono risparmiate aspre critiche verso la giunta pentastellata che è alla guida del governo di Anguillara dallo scorso mese di giugno. La nota ha inoltre paventato lo spettro del possibile commissariamento della città sabatina qualora non venisse approvato nei tempi il bilancio preventivo 2017.

Immediata la risposta da parte dei Cinque Stelle che puntano il dito su quello che viene definito come tentativo di disinformazione e discredito nei confronti dell'amministrazione comunale. Da palazzo Orsini, dunque, fanno sapere che le dimissioni della capo Area non influenzeranno in alcun modo l'iter per giungere all'approvazione del bilancio preventivo 2017 che sarà approvato entro il prossimo 31 marzo, termine ultimo fissato dalla legge.
 

Latina
Sicurezza & Territorio
Si lavora alla viabilità alternativa
immagine


Red. Cronaca


FORMIA (LT) -  Non uno ma due semafori intelligenti. Il primo all’altezza dell’incrocio tra via Delle Industrie e la SR 630 (altezza ex Blue Fish), l’altro all’intersezione tra la superstrada e il civico 42 di via dei Platani. Obiettivo: garantire l’accesso in sicurezza alla superstrada ricollegando le parti di Penitro divise in due dall’arteria: la zona del nucleo industriale e l’area a monte dove insiste il grosso dell’agglomerato urbano. Sono queste le soluzioni emerse dal sopralluogo tecnico che stamani ha avuto come protagonisti Comune, Astral e Comitato Civico di Penitro. Nel primo mattino i residenti del Comitato erano stati accolti in Comune dal primo cittadino Sandro Bartolomeo per un confronto sulle importanti novità seguite all’incontro di lunedì con l’Azienda Strade Lazio.


In attesa della rotonda da realizzare nei pressi del cavalcavia (presto l’Astral avvierà gli esami geomorfologici propedeutici alla definizione del progetto), per l’immediato si lavora alla definizione di una viabilità alternativa che consenta di far fronte al gap di sicurezza imposto dalla chiusura del ponte. L’Amministrazione (rappresentata dal coordinatore dell’Ufficio di Staff del Sindaco, Luigi De Santis, dal Presidente della Commissione Lavori Pubblici Mattia Zannella e dai vertici della Polizia Locale) ha accompagnato sul posto i tecnici dell’Astral (gli ingegneri Afilani e De Angelis) alla presenza dei residenti del Comitato Civico di Penitro.
Prima tappa all’incrocio tra via Delle Industrie e la SR 630. Intersezione pericolosissima, frequentata ogni giorno da centinaia di veicoli e mezzi pesanti provenienti dall’area del nucleo industriale. Lì sarà realizzato il primo semaforo intelligente che consentirà l’immissione sulla Formia-Cassino in condizioni di totale sicurezza.
Il sopralluogo è poi proseguito presso l’altro punto critico, posto più avanti, lato Formia, nei pressi dell’intersezione tra la traversa di via dei Platani (civico 42 A) e la superstrada (fronte concessionario Citroen). Lì l’Amministrazione chiederà ufficialmente all’Astral l’installazione di un secondo semaforo intelligente chiamato a regolare l’immissione in sicurezza dei veicoli provenienti dal centro di Penitro e diretti sulla SR 630 direzione Cassino. L’Azienda Strade Lazio ha dato la sua disponibilità di massima. Si attendono novità nel giro dei prossimi giorni.


I due impianti semaforici consentiranno ai veicoli di percorrere l’intero circuito in totale sicurezza: le auto provenienti da Formia in direzione Cassino potranno svoltare sulla rampa all’altezza del caseificio. Attraverso via Delle Industrie avranno modo di tornare sulla SR 630 presso l’incrocio regolato dal primo semaforo (ex Blue Fish). Impegnata la superstrada in direzione Cassino-Formia, potranno inforcare la rampa ed entrare nel centro di Penitro. A sua volta potranno uscirne attraverso la traversa di via dei Platani (civico 42 A).
“Sono soddisfatto del proficuo incontro con l’Astral – commenta il consigliere comunale Mattia Zannella -. Le soluzioni in campo sono percorribili in tempi brevi e vengono incontro alle esigenze espresse dalla cittadinanza anche attraverso il Comitato. Stiamo lavorando per scongiurare la pericolosità determinata dalla chiusura del ponte. I semafori intelligenti sono un’opzione efficace che, con la collaborazione dell’Astral, contiamo di attuare nel minor tempo possibile”.


“La popolazione di Penitro può contare sul nostro impegno – sostiene il Sindaco Sandro Bartolomeo -: la sicurezza è una condizione prioritaria e inderogabile. Vigileremo affinché l’Astral dia seguito alle soluzioni su cui si è concentrato il confronto degli ultimi giorni. La rotonda potrebbe risolvere definitivamente il problema dell’accesso al nucleo abitato di Penitro. In attesa che le premesse si traducano in atti concreti, sentiamo però l’esigenza di trovare soluzioni che consentano ai cittadini della frazione di vivere con serenità il rapporto col proprio territorio. Ringraziamo il Comitato per il suo contributo di idee e partecipazione. Vedrete che insieme risolveremo il problema”. 
 

Roma
Emergenza immigrati
NcS: "In prima linea per vigilare e difendere gli interessi dell'intera comunità. Noi ci siamo e ci saremo e voi?"
immagine

 

Red. Politica


ANZIO (RM) - Ad Anzio sarebbero in arrivo altri 70 immigrati che verranno ospitati presso un noto hotel cittadino che ha già dato disponibilità. "Nonostante la notizia non sia ancora stata confermata ufficialmente - dichiarano da Noi con Salvini Anzio - giochiamo di anticipo perché a parte la zona altamente qualificata e quindi turisticamente valida bisogna anche dire che ad Anzio sono già arrivati circa 200 clandestini quindi oltre la media nazionale. Preghiamo il Sindaco e l'amministrazione comunale di intervenire subito per frenare questi arrivi. Sarà nostro compito comunque attraverso il Senatore Centinaio convocare al più presto un tavolo regionale per la sicurezza sperando nell'adesione di altri partiti oltre che di figure dirigenziali addette al lavoro, ad iniziare dal nostro Prefetto. Noi comunque da oggi vigiliamo su tutti i movimenti e siamo pronti a presidiare e manifestare se le cose non dovessero andare per il verso giusto.

Sarà nostro compito, oltretutto, divulgare tutte le informazioni alla stampa locale e nazionale al fine di tenere ben informata la cittadinanza in tempo reale su quello che sta succedendo. Sicuri che presto troveremo l'appoggio di molti altri cittadini che intendono salvaguardare la nostra bellissima cittadina "Noi con Salvini" garantisce che non abbasserà la guardia e sarà - concludono da NcS Anzio - come sempre in prima linea per vigilare e difendere gli interessi dell'intera comunità.  Noi ci siamo e ci saremo e voi?"
 

Roma
Supermercato in crisi?
L’amministrazione auspica che il supermercato Coop di Velletri con tutta la sua organizzazione e rete di soci resti al suo posto
immagine

 

VELLETRI (RM) - Le notizie confuse di una possibile chiusura del punto vendita Coop di Velletri è seguita con preoccupazione dal Sindaco e dalla Giunta, innanzitutto per la difesa dell’occupazione delle lavoratrici e dei lavoratori dello storico supermercato cittadino.
Pur nel rispetto della pluralità e della libertà del mercato, l’amministrazione ritiene che la Coop non è semplice punto vendita ma una realtà economica integrata nel tessuto sociale della comunità per il ruolo che ha svolto e svolge grazie anche alla preziosa disponibilità dei soci.
Ricordiamo con favore le fattive collaborazioni che l’amministrazione ha attivato con la Coop in numerosi settori, in particolari nel sociale dove l’impegno è stato sempre attivo e costruttivo a sostegno dei più deboli.
Per tutte queste ragione l’amministrazione auspica che il supermercato Coop di Velletri con tutta la sua organizzazione e rete di soci resti al suo posto e si rende disponibile per un confronto con la proprietà per capire meglio quali sono i programmi di riorganizzazione e se realmente Velletri è interessata da questa nuova visione aziendale.

Roma
Cronaca
Con queste dure parole l’assessore alla Pubblica istruzione del Comune di Velletri si scaglia contro la fallimentare gestione dell’amministrazione Raggi
immagine

 

VELLETRI - «Il tempo scaduto, la collaborazione istituzionale con la Città metropolitana di Roma Capitale a guida grillina finisce qua!». Con queste dure parole l’assessore alla Pubblica istruzione del Comune di Velletri si scaglia contro la fallimentare gestione dell’amministrazione Raggi in merito alla manutenzione delle scuole.
«Ancora questa mattina – tuona l’assessore Masi – i termosifoni del Cesare Battisti sono spenti, dall’inizio dell’anno scolastico la caldaia ha funzionato solo per pochi giorni. Prima la vergognosa pantomima del ritardo con il quale i tecnici di Palazzo Valentini hanno comunicato l’inizio dei lavori. Poi l’interminabile attesa della caldaia mobile, infine il gelo che l’ha bloccata e oggi non si sa più cosa sta succedendo. Solo l’educazione e la pazienza dei ragazzi e delle famiglie ha evitato che si perdessero giorni di scuola».
La situazione è nota ormai a tutti, all’inizio di novembre la Città metropolitana ha comunicato l’inizio dei lavori di manutenzione successivi a delle prescrizioni di sicurezza, nonostante le rassicurazioni la caldaia è stata accesa il 22 dicembre, ovvero il giorno in cui sono iniziate le vacanze di Natale. Al ritorno il gelo ha fatto il resto per diversi giorni e in questa settimana non ha funzionato già per due giorni. La scuola, l’amministrazione comunale le famiglie sono intervenute a vario titolo. Il Sindaco ha scritto al Prefetto e al Sindaco Metropolitano senza ottenere alcuna considerazione.
«Mi sorprende la superficialità e l’approccio - conclude l’assessore veliterno – adottato dai grillini che però non hanno perso tempo a fare un post quando la fantomatica caldaia è partita per la prima volta. Credo che amministrare e gestire i problemi complessi necessiti di altro spirito e di altra competenza. Ancora più grave è registrare anche problemi che stanno riscontrando il Mancinelli e il Tognazzi che sempre per la scarsa manutenzione sono stati inagibili con evidente disappunto della popolazione scolastica. Credo che il vice sindaco Fucci debba fare qualche comunicato in meno e qualche azioni in più, lo stesso appello lo rivolgo a Paolo Trenta che evidentemente è parte di questo sistema virtuale. Confido che le altre forze politiche si uniscano alla nostra battaglia per dare dignità alla più antica scuola di Velletri e per vedere rispettato il diritto allo studio che è seriamente compromesso dalla sciatteria ammnistrativa dei grillini. Nel prossimo consigli d’istituto convocato per il 27 gennaio proporrò di inviare una dettagliata relazione alla Procura della Repubblica».

Viterbo
Eventi
La gara automobilistica valida per il campionato italiano di regolarità C.S.A.I presenta la XXII edizione
immagine

 

Red. Cronaca


 
VITERBO
- L’8 e il 9 Aprile si accenderanno i riflettori sulla Tuscia e Viterbo grazie alla XXII Coppa degli Etruschi - gara automobilistica di regolarità per auto storiche valida per il campionato italiano di regolarità C.S.A.I - organizzata dall’Etruria Historic Racing Club.
La macchina organizzativa è già all’opera per realizzare una manifestazione che possa replicare il successo del 2016. Numerose le novità di questa edizione, una su tutte la partenza che si svolgerà presso la concessionaria Autocentri Balduina Viterbo, dove le automobili old style si andranno ad unire a modelli di ultimissima generazione creando uno sorta di “mostra a cielo aperto” per la gioia degli appassionati e del pubblico che vorrà intervenire.
 
“Per quanto riguarda il percorso invece stiamo cercando di modificarlo rispetto alla passata edizione per renderlo ancora più avvincente e piacevole. Le prove a tempo saranno circa 70 e si svolgeranno anche in notturna con pressostati luminosi – dichiara Mimmo Patara, Presidente dell’Etruria Historic Racing Club Viterbo – Il nostro obiettivo, come tutti gli anni, è quello di proporre una manifestazione che possa essere divertente ed impegnativa per tutti gli equipaggi che parteciperanno e allo stesso tempo far scoprire per chi ancora non le conosce, le bellezze della Tuscia viterbese”
 
Sarà riproposta la gara Turistica “Officine Bontà, arrivata alla sua terza edizione, che farà da apripista alla Coppa degli Etruschi con un format leggermente differente, rivolto a tutti gli sportivi che prediligono il lato più turistico e meno competitivo delle gare di regolarità.
 

Roma
Cronaca
I due si erano introdotti nella tabaccheria dopo aver praticato un foro in una parete che separa il seminterrato del negozio da un locale cantina condominiale
immagine

 

 

Red. Cronaca

 

ROMA – Tentano di svaligiare una tabaccheria in via Veroli, a villa Gordiani,  utilizzando un jammer. I Carabinieri hanno sventato un furto la scorsa notte, arrestando zio e nipote di origini campane di 58 e 41 anni, entrambi con precedenti. Sono accusati di furto aggravato in concorso. Sono stati bloccati all’interno del negozio mentre credevano di operare indisturbati. Fondamentali la segnalazioni di alcuni residenti. 

 

La banda era riuscita ad entrare nella tabaccheria dopo aver praticato un foro in una parete che separa il seminterrato del negozio da un locale cantina condominiale. Il loro obiettivo erano i tabacchi e i gratta e vinci. L’arrivo dei Carabinieri, però, ha mandato in fumo il loro piano. Dopo il sopralluogo all’interno dei locali hanno ricostruito le varie fasi del colpo: sono riusciti ad ingannare l’allarme grazie a un potente jammer, un dispositivo elettronico utilizzato per neutralizzare le frequenze di trasmissione. Gli obiettivi delle telecamere di sicurezza, invece, erano stati ruotati e la sirena neutralizzata con del poliuretano espanso, una schiuma utilizzata come isolante in edilizia. I due arrestati sono stati accompagnati e trattenuti in caserma in attesa del rito direttissimo. Dovranno rispondere di tentato furto aggravato in concorso.
 

Roma
Cronaca
Il Commissario straordinario ha invitato a ripensare all’organizzazione amministrativa dell’STS
immagine

 

Red. Cronaca


FRASCATI (RM) - Il Commissario Straordinario Bruno Strati ha ricevuto nella mattinata di oggi, lunedì 23 gennaio 2017, Germana De Angelis e Stefano Cesarotti, componenti dimissionari del CdA dell’Azienda Speciale STS Multiservizi. Nel corso del colloquio, il Commissario Strati ha invitato entrambi i componenti a ritirare le loro dimissioni, in considerazione dell’intento di utilizzare i mesi che separano dalle prossime elezioni, per ripensare all’organizzazione amministrativa dell’STS e ai suoi rapporti della stessa con l’Amministrazione, nonché alla predisposizione del nuovo contratto di servizio.

I due componenti dimissionari hanno condiviso il progetto ed hanno revocato le proprie dimissioni.
Il Commissario Straordinario Bruno Strati, il Presidente Alessio Ducci, i componenti del Consiglio di Amministrazione Germana De Angelis e Stefano Cesarotti e il Direttore Generale dell’STS Paride Pizzi hanno quindi concertato di dare prosecuzione a questa collaborazione nell’interesse dei cittadini.
 

Roma
Cronaca
In manette un anziano. La giovane è uscita urlando dai tornelli della metropolitana
immagine

 

ROMA - Le ha infilato la mano sotto la gonna e l’ha palpeggiata con insistenza. Vittima una ragazza che è uscita urlando dai tornelli della metropolitana alla stazione Termini e ha raccontato l’episodio ad una pattuglia della polizia. In evidente stato di agitazione, la giovane ha indicato ai poliziotti un uomo che poco prima, mentre era sulla scala mobile per uscire dalla stazione, le aveva infilato la mano sotto la gonna palpeggiandola. Nonostante la vittima avesse cercato di divincolarsi e di allontanare l’uomo, quest’ultimo non aveva desistito dal suo comportamento. Immediatamente bloccato dagli uomini in divisa, l’uomo, un 68enne, è stato accompagnato negli uffici del commissariato Viminale, dove sono emersi vari precedenti di polizia a suo carico. L’anziano, italiano, è stato arrestato per il reato di violenza sessuale

Pubblicitá
SEPARATORE 5PX GIORNALE DI OGGI SEPARATORE 5PX L’Osservatore d’Italia - Ultima edizione SEPARATORE 5PX OFFICINASTAMPA SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DA LEGGERE SEPARATORE 5PX IVAN GALEA EDITORIALE SEPARATORE 5PX ANGELO BARRACO EDITORIALE SEPARATORE 5PX EMANUEL GALEA EDITORIALE SEPARATORE 5PX ANGELO BARRACO EDITORIALE SEPARATORE 5PX ROBERTO RAGONE EDITORIALE SEPARATORE 5PX MARCO STAFFIERO EDITORIALE SEPARATORE 5PX ROBERTO RAGONE EDITORIALE SEPARATORE 5PX PAOLINO CANZONERI EDITORIALE SEPARATORE 5PX MARCO STAFFIERO EDITORIALE SEPARATORE 5PX TOROSANTUCCI EDITORIALE SEPARATORE 5PX EMANUEL GALEA EDITORIALE SEPARATORE 5PX EMANUEL GALEA EDITORIALE SEPARATORE 5PX MICHELE SANTULLI INCHIOSTRO BLU SEPARATORE 5PX VINCENZO GIARDINO INCHIOSTRO BLU SEPARATORE 5PX L'INCHIESTA SEPARATORE 5PX NEMI GESTIONE RIFIUTI SEPARATORE 5PX ULTIMI VIDEO SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DISTANZIATORE SEPARATORE 5PX CONNEXUS
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it)
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact