Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
La sentenza
Accolto il ricorso dell'ex sindaco Pd che era stato condannato ad un risarcimento milionario
immagine

 

di Chiara Rai

 

BRACCIANO (RM) - Il tema è come sempre tutti gli strascichi della “mala gestio” della discarica di Cupinoro a Bracciano. La Corte dei Conti, sezione terza centrale di appello, ha accolto il ricorso dell’ex sindaco Pd Giuliano Sala sul quale era piombata un sentenza di risarcimento per danno erariale di quasi un milione di euro. Il sindaco Sala era stato infatti condannato a risarcire 900.000 euro per il danno erariale alla Società pubblica Bracciano Ambiente SpA. Lo ha stabilito la sentenza del 6 agosto scorso N.367/2015 della sezione regionale della Corte dei Conti del Lazio. Il danno quantificato è stato imputato per “sprechi di denaro pubblico” connessi alla gestione e realizzazione di un impianto per il trattamento del percolato presso la discarica di Cupinoro, di proprietà del Comune e concesso in gestione alla società, unitamente al servizio di discarica dei rifiuti connessi alla inefficienza dell’impianto a causa della insufficiente alimentazione energetica.

Dunque un impianto rivelatosi inefficiente e vanificata la spesa per la sua realizzazione per non parlarlare delle spese extra sostenute per lo smaltimento del percolato causando così un danno al Comune di Bracciano perché socio unico della società. Parliamo degli anni 2011, 2012 e 2013 quando l’impianto del percolato o non è funzionato per nulla o comunque parzialmente. E per la Corte dei Conti che ha emesso la sentenza il responsabile è Giuliano Sala perché il Comune, socio unico, risponderebbe direttamente degli sprechi derivanti dal mancato guadagno su un investimento così grande e sarebbe reo anche di non aver effettuato il controllo analogo.

 

Poi che succede? Giuliano Sala fa ricorso in appello avverso questa sentenza giurisdizionale della Corte dei Conti per la Regione Lazio notificata a settembre del 2015 che di fatto s’impernia sul difetto di prova della sussistenza del danno imputato. Nel ricorso Sala dice sostanzialmente che il Giudice ha sostanzialmente sentenziato su un fatto diverso da quello sottopostogli che si sostanziava in via esclusiva nella imputazione dei costi al convenuto per la realizzazione dell’impianto nonché dei costi extra per lo smaltimento del percolato all’esterno. I costi, ha puntualizzato Sala nel ricorso, non sono stati sostenuti dal Comune (ndr come si capisce nella sentenza) bensì dalla società.

Inoltre si specifica che la Procura non ha mai prodotto bilanci della società (ndr per dimostrare l’effettiva perdita di efficacia dell’investimento). Non ultimo la società per l’appellante non sarebbe neppure inquadrabile come in house in quanto gestisce la discarica di Cupinoro non solo per il Comune di Bracciano ma anche per diversi altri Comuni. 

Insomma il ricorso di Sala è stato accolto perché il giudice di prime cure non avendo risposto e proceduto nel merito ha prodotto un vizio. Il danno ha riguardato il patrimonio della Bracciano Ambiente e non può richiamare la responsabilità diretta degli amministratori anche perché non è la fattispecie sui cui doveva pronunciarsi la sezione regionale della Corte dei Conti. La mala gestio grava dunque solo sul patrimonio della società stessa soggetta a regole privatistiche e di autonomia rispetto ai soci. 

L'evento
giorni di concerti, teatro, cultura nel centro storico sul lago
immagine

 

ANGUILLARA SABAZIA (RM) - Tutte le arti scendono in strada ad Anguillara Sabazia per una tre giorni di musica, teatro, cultura, pittura, artigianato, tradizione e gusto. Oltre venti concerti, sei spettacoli e tantissime altre iniziative, distribuite in quattro location del centro storico, tutte affacciate sul lago di Bracciano. Questi i numeri della II edizione di InStradArti in programma ad Anguillara Sabazia il 30 giugno-1 e 2 Luglio 2017. L’arte esce dai conservatori, dalle sale prove, dai teatri e dagli auditorium e scende direttamente in strada in un’atmosfera di grande partecipazione e condivisione. Una formula già sperimentata con successo nel 2016 e che si arricchisce per l’edizione 2017. Oltre cento gli artisti coinvolti tra musicisti, attori, cantanti, burattinai, percussionisti, pittori, coristi. Si va dalla world music alla lirica, dai ritmi africani a quelli popolari, dal jazz al funky. Ogni appuntamento sarà un evento nell’evento. Si inizia sabato 30 giugno dalle 18 per una maratona di tre serate, tutte da vivere. La manifestazione, ideata ed organizzata dall’Associazione Doppio Diesis, in collaborazione con il Comune di Anguillara Sabazia e la Pro Loco Anguillara, si avvale di un contributo dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale del Lazio. Le iniziative sono tutte gratuite. Una organizzazione di grande impegno che mette insieme artisti italiani e stranieri. Un Festival, unico nel suo genere nel panorama artistico regionale, da non mancare. “Il Festival degli Artisti in Strada – dichiara l’Assessore alla Cultura, Turismo, Centro Storico, Rapporti Internazionali Dott.ssa Viviana Normando – è una manifestazione, ideata dall’Associazione Doppio Diesis, che insieme al Sindaco Sabrina Anselmo, abbiamo fortemente voluto valorizzare accanto alle feste tradizionali della città, proprio per la sua dinamicità culturale e per il fatto di trasformare, come vorremmo sempre, tramite gli eventi, il suggestivo centro storico di Anguillara Sabazia in un cantiere dell’arte, in un work in progress di bellezza delle arti, tra teatro, musica, presentazioni di libri, mostre, spettacoli, apertura dei nostri beni culturali. Il contributo della Presidenza del Consiglio Regionale del Lazio ci ha dato una mano a realizzarlo e siamo felici in questo percorso istituzionale di dare ad Anguillara una pagina rinnovata di creatività e di aggregazione, scritta dalle Associazioni del territorio, dalle eccellenze, insieme a talune maestrie appositamente avocate in ambito regionale e nazionale per questo straordinario evento socio-culturale”. La presentazione del Festival degli Artisti in Strada e dei suoi itinerari d’arte nel centro storico ha luogo venerdì 30 giugno 2017, alle ore 12.00, in Aula Consiliare per poi proseguire con l’inaugurazione della personale dell’artista Agostino La Parola nel Museo della Civiltà Contadina, alle ore 12.30 e la mostra collettiva a Via dei Bastioni del gruppo di artisti “Creatività ad Anguillara” e prendere avvio con gli spettacoli, alle ore 18.00, nelle varie location indicate nel programma di seguito. In allegato la locandina della manifestazione.
Per informazioni: www.comune.anguillara-sabazia.roma.it; www.associazionedoppiodiesis.org; www.prolocoanguillara.com.



Programma Festival instradArti 2017 – 30 giugno, 1° e 2 luglio 2017
Anguillara Sabazia – centro storico

Venerdì 30 giugno 2017
Ore 12.00 - Aula Consiliare Comune di Anguillara - Presentazione della II edizione del Festival instradArti alla presenza del Sindaco Sabrina Anselmo, dell’Assessore alla Cultura di Anguillara Viviana Normando, del presidente dell’Associazione Doppio Diesis, delle Autorità e di altre Associazioni coinvolte nella manifestazione. A seguire visita guidata alle cinquecentesche stanze affrescate del Palazzo Baronale Orsini;
Ore 12.30 - Inaugurazione presso il Museo Storico della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare “Augusto Montori” della personale di pittura dell’artista Agostino La Parola “La mia Sicilia. Acqua, colori e tradizioni dalla Sicilia al lago di Bracciano”. Fino al 9 luglio. A seguire, visita al Museo con una passeggiata nel centro storico;
Ore 12.30 Piazza dei Bastioni Inaugurazione “La mostra di instradArti”, espongono Federica Filzi, Agnese Di Venuto, Silvia Moccia, Leon Akwadal, Luisa Mariotti, Anne Bodammr ed il liutaio Alfonso Toscano;
Ore 17.30 – Giardini del Torrione – Le Bellezze del Re, Laboratorio di costruzione di maschere e spettacolo per bambini dai 3 agli 8 anni a cura dell’Associazione Teatro Helios;
Ore 18.30 – Chiesa della Collegiata – Viaggio del Cuore. Arie e duetti d’amore, concerto lirico con Sarah Agostinelli, Massimo Simeoli e Sergio Allegrini a cura dell’Associazione Scuola Orchestra;
Ore 19.00 – Chiesa della Collegiata - Teatro itinerante (partenza) – Torototela, interpreti Fabio Del Croce, Fabio Rosi, Maurizio Misitano;
Ore 19.30 – Piazza del Comune – I Red Clay in concerto, musica funky jazz;
Ore 19.30 – Giardini del Torrione – Disney colonne sonore con il Coro Diapason Amici della Musica;
Ore 21.00 – Giardini del Torrione – Labile, spettacolo di Gian Michele Montanaro, canzoni e musiche tradizionali, Storia da Cantastorie del Sud d’Italia;
Ore 21.00 – Anfiteatro – Trio jazz The Last Lamp;
Ore 21.00 – Piazza del Comune - Duo Rock-blues con Francesca Talanas e Virginia Rabbai;
Ore 21.30 – Giardini del Torrione – Osteria da Righetto, spettacolo per la regia di Emanuela Gentile a cura dell’Associazione Teatrale Il Battello, piéce brillante, liberamente ispirata al libro “Cecafumo” di Ascanio Celestini;
Ore 21.30 – Piazza della Collegiata - Le Giovani promesse del Pop, a cura di Associazione Scuola Orchestra e Associazione Gastone Tosato, allieve della maestra di Canto Anna Catarci e del maestro di Canto Sergio Allegrini;
Ore 22.00 – Piazza del Comune – I Tam Tam Morola in concerto, ritmi e musica dell’Africa occidentale con Moustapha Mbengue;
Ore 22.30 – Anfiteatro – Canzone per 4 arti e 1 bocca, OneManBand, Fabio Fedra;

Sabato 1 luglio 2017
Ore 18.00 – Presentazione del Libro “Laureato in onestà” di Graziarosa Villani e Francesco Leonardis – Museo Storico della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare “Augusto Montori” – Presenti gli autori, con una degustazione di prodotti tipici siciliani ed anguillarini;
Ore 18.00 - P.za del Comune, fontana delle Anguille – Visita guidata al centro storico e nel Palazzo Baronale Orsini;
Ore 18.30 fino alle 20.00 – Piazza del Comune – Catapulta Circo di Strada;
Ore 18.30 – Giardini del Torrione – Canzonetta di Orlando a cura dell’Associazione T.E.A;
Ore 19.30 – Anfiteatro – Concerto dell’Orchestra di Musica Popolare della Scuola di Musica di Testaccio, direttore maestro Adriano Dragotta;
Ore 19.30 – Piazza della Collegiata – Surreallistic and pataphysical jazz a cura dell’associazione Il Numero Magico Compagnia Fool de sac;
Ore 19.30 – Giardini del Torrione – Billi Brass Quintet, quintetto di fiati in “Alla ricerca del ballo perduto”;
Ore 19.30 – Piazza del Comune – i Ritmiko in concerto, world music ed afro-jazz;
Ore 19.30 – Piazza del Lavatoio – punto ristoro, piatti tipici locali a cura dei Rioni Storici di Anguillara;
Ore 21.00 – Piazza della Collegiata - Associazione Mandolinistica “La Primavera”, concerto di musica popolare;
Ore 21.00 – Chiesa di San Biagio - Concerto gospel / pop del Coro VnB diretto dal maestro Giacomo Trovaioli;
Ore 21.30 – Giardini del Torrione – I Nevrotici, spettacolo teatrale di Fabrizio Catarci, interpreti Fabrizio Catarci e Dario Biancone;
Ore 21.30 – Anfiteatro - Billi Brass Quintet in Alla ricerca del ballo perduto, quintetto di fiati (replica);
Ore 22.00 – Piazza del Comune – I Dei degli Olimpo, Album “Uno”, con intermezzi comici;

Domenica 2 luglio 2017
Ore 17.30 - P.za del Comune, fontana delle Anguille – Visita guidata nel Palazzo Baronale Orsini e passeggiata nel centro storico;
Ore 18.00 – Giardini del Torrione – Concerto della Banda della Città di Anguillara Sabazia – Orchestra di Fiati diretta dal maestro Enrico Scatolini;
Ore 18.30 – Piazza della Collegiata – Due Chitarra e Organetto con Vittorio Oteri e Alessandra Sterpa, musica tradizionale francese ed italiana;
Ore 19.15 – Giardini del Torrione - Presentazione del libro “Siediti. Ti debbo parlare” di Stefano Vannini, Europa Edizioni, 2017;
Ore 19.30 – Piazza del Comune – 16 Strings in concerto, musiche blues, country, folk, rock acustico;
Ore 19.30 – Piazza della Collegiata - Coro polifonico Green Voices diretto dal maestro Francesca Reboa;
Ore 19.30 – Piazza del Lavatoio – punto ristoro di piatti tipici locali a cura dei Rioni Storici di Anguillara;
Ore 20.30 – Obladì Obladà, piéce comica a cura dell’Associazione Il Numero Magico – Compagnia Fool de sac;
Ore 20.30 – L’orecchio errante, coro polifonico Entropie Armoniche diretto dalla maestra Claudia Gili;
Ore 21.45 – Piazza del Comune – Jazz Made in Italy;
Ore 21.45 – Piazza della Collegiata – Metamorfosi in Musica: dal sacro al profano diretto dal maestro Fausto Iachettini, musica vocale e strumentale medievale e rinascimentale;
Ore 22.00 – Giardini del Torrione – il Maestro Mauro Di Domenico in concerto;
Ore 22.00 – Anfiteatro – Così fan tutte, spettacolo di teatro e musica, Associazione l’Esclusiva.
 

Rassegne & Festival
L'edizione 2017 è stata presentata a Roma anche alla presenza della sua promotrice, Franca Valeri.
immagine



di Gianfranco Nitti


TIVOLI (RM)
- Dopo il successo delle precedenti edizioni prende il via dal 30 giugno al 29 luglio 2017 la 3a edizione di “Tivoli Chiama! - Il Festival delle Arti”, rassegna culturale per la valorizzazione del patrimonio storico-artistico e paesaggistico attraverso lo spettacolo dal vivo, nata nel 2015 grazie a un bando del Mibact che il Comune di Tivoli vinse posizionandosi al terzo posto in graduatoria. E la imminente edizione è stata presentata a Roma anche alla presenza della sua promotrice, Franca Valeri.


Il Festival è realizzato e finanziato dal Comune di Tivoli con il contributo della SIAE e in collaborazione con il Mibact, continuando così una collaborazione iniziata nelle passate edizioni e che quest’anno prosegue con il nuovo Istituto Villa Adriana e Villa D’Este e il nuovo direttore, il dott. Andrea Bruciati. L’organizzazione e la produzione esecutiva sono affidati all’A.T.C.L. Associazione fra i Comuni Teatrali del Lazio, di cui il Comune di Tivoli è socio e cofondatore, consolidando una sinergia che ha portato sul territorio tiburtino tante iniziative culturali.


Le iniziative proposte s’inseriscono in spazi in cui paesaggio, tradizione e arte rappresentano un unicum, straordinario e irripetibile. Attraverso teatro, danza e musica gli spettatori potranno vivere un’esperienza indimenticabile nei suggestivi siti storico-archeologici di Villa D’Este, Santuario di Ercole Vincitore e Villa Adriana, proseguendo il percorso di proficua collaborazione tra il Comune di Tivoli e il Mibact.


“Tivoli ha un patrimonio culturale straordinario e che attraversa secoli di storia – ha dichiarato il sottosegretario on. Ilaria Borletti Buitoni - valorizzarlo anche attraverso delle iniziative così articolate e ricche come “Tivoli Chiama” è un modo per creare un sistema culturale integrato, un esempio per tutto il Paese che coniuga la bellezza del contesto con lo spettacolo dal vivo creando un’offerta di cultura veramente unica”.


“Dobbiamo inoltre ricordare – ha detto l’Assessore alla Cultura Urbano Barberini - che nessun altro festival al mondo può vantare dei palcoscenici così straordinariamente diversi, e di una bellezza incomparabile”.


“La finalità ultima – ha sottolineato Barberini – è quella di creare un sistema integrato che favorisca una sinergia tra le attività culturali, turistiche e imprenditoriali e i beni culturali, al fine di promuovere uno sviluppo sostenibile, in armonia con la vocazione propria del territorio tiburtino, trasformando Tivoli in una vera e propria “Fabbrica di Cultura” per gli artisti, favorendo la crescita di un pubblico che si affezioni alla città e ai suoi luoghi. Le “Arti” in questo modo saranno lo strumento attraverso il quale accrescere e coltivare sentimenti d’identità e aggregazione, insieme ad innovazione, contemporaneità e interculturalità”.

“Crediamo assolutamente in una piattaforma culturale condivisa con le istituzioni del territorio – ha evidenziato Il Direttore dell’Istituto Villa Adriana e Villa d’Este, Andrea Bruciati – che riconfiguri in maniera proattiva e nuova l’identità di questa comunità. Ci interessa costruire collaborazioni attive per immaginare una Tivoli inclusiva che abbia sempre maggiore consapevolezza del proprio valore”.


La scelta del nome era stata sinteticamente spiegata dalla madrina del Festival Franca Valeri: ”Tivoli chiama, con il suo passato, con le sue ville, con la sua gente. Chiama perché ha molte cose da dire. Ascoltatele, la cultura è serenità”, che aggiunge: “Tivoli è molto fortunata. Da sempre. Da quando l’antichità le ha regalato tanta bellezza, fino ad oggi dove l’amore del Sindaco Giuseppe Proietti e dell’assessore alla cultura Urbano Barberini permettono di continuare a regalarle, nei suoi luoghi preziosi, tanti eventi, come in questo Festival. Anche quest’anno Tivoli ha chiamato il quarto per il suo Festival: prendete carta e penna, come dicevano i nonni, perché il programma è ricco”.


Il Cartellone: Il cartellone anche quest’anno si presenta ricco di appuntamenti con grandi nomi della cultura e dello spettacolo. Il 30 giugno l’apertura sarà affidata al Video Mapping della Visual Artist Alessandra Franco sulla Rocca Pia “De Siderum” sul tema “Europa” per proseguire alle 21.30 con il concerto dell’Orchestraccia all’Anfiteatro di Bleso. Il Festival proseguirà con uno spettacolo di musica e poesia di Michele Placido il 2 luglio a Villa Adriana dal titolo “Suite per Voce Solista” accompagnato dalla musica di Marco Zurzolo Quartet. L’8 luglio il Maestro Giovanni Allevi in concerto al Santuario di Ercole Vincitore. Sempre al Santuario di Ercole Vincitore il 14 luglio Teresa De Sio canta Pino Daniele e il 27 luglio Sabina Guzzanti porterà in scena il suo spettacolo “Come ne venimmo fuori”. La chiusura del Festival il 29 luglio è affidata allo spettacolo di danza acrobatica “Meraviglia” dei Sonics che si terrà in Piazza Garibaldi, concludendo la kermesse con una grande festa di piazza. A Villa d’Este, proseguendo il percorso avviato dalla fortunata iniziativa Tivoli Incontra, nelle splendida cornice della Terrazza della Pallacorda il 6 luglio Barbara Alberti presenterà il nuovo romanzo di Fiamma Satta “IO E LEI. Confessioni della Sclerosi Multipla” con letture di una delle più grandi attrici italiane Piera Degli Esposti. La Satta era presente all’evento romano.  Il 15 luglio il Premio Strega 2016 Edoardo Albinati presenterà il suo nuovo libro “Un Adulterio” accompagnato da Francesca d’Aloja nella lettura del testo.

Informazioni e biglietti presso CTS di Tivoli Piazza Palatina, 2 - Tel. 0774.311608
info@tivolichiama.com - biglietteria@tivolichiama.com
www.tivolichiama.com
 

Il caso
Una situazione definita estremamente grave da parte dell’amministrazione comunale
immagine

 

di Silvio Rossi

ANGUILLARA (RM) - Un’attività svolta in un locale comunale senza autorizzazioni quella effettuata da un’associazione di cui non si trova traccia sull’albo comunale, perdipiù con servizi rivolti ai minori e pubblicizzata attraverso un gruppo Facebook che fa riferimento ad un Comitato di quartiere di Anguillara.

La vicenda: Nella località di Colle Sabazio, presso la casa comunale, il Comitato di Quartiere 9 in collaborazione con l’associazione Caspelart hanno aperto dallo scorso 19 giugno un centro ricreativo, senza chiedere, a quanto fanno sapere dal Comune di Anguillara Sabazia, alcuna autorizzazione.

Una situazione definita estremamente grave da parte dell’amministrazione comunale
, che ha prima convocato la presidente del comitato in Comune, per manifestare la contrarietà dell’ente a tale iniziativa, e in seguito ha inviato una diffida firmata da tre capi area a interrompere le attività in essere presso la struttura, con minaccia di intervento della forza pubblica in caso di inadempienza. Un’attività che si somma ad altre iniziative, come tornei di briscola, bingo, cene, organizzate nella casa comunale, senza preventiva autorizzazione, senza aver corrisposto all’ente alcun affitto o indennità, senza che queste iniziative siano state discusse nelle assemblee o nei direttivi del comitato, stando a quanto risulta dai verbali pubblicati sul sito dello stesso come da regolamento dei quartieri.

Quest’ultima iniziativa, che può essere vista come concorrenza sleale da parte di coloro che organizzano le stesse attività pagando però un affitto e chiedendo le preventive autorizzazioni del caso, potrebbe prevedere anche il danno erariale per via della mancata riscossione di un affitto per l’uso dell’immobile pubblico. Nel regolamento comunale per l’uso del patrimonio dell’ente locale, infatti, viene previsto, per ogni struttura, il pagamento di una quota, salvo il caso di patrocinio concesso dal Comune di Anguillara ad associazioni iscritte all’albo per iniziative meritevoli.

Per quanto riguarda Colle Sabazio, il comitato di quartiere è autorizzato a svolgere all’interno le assemblee e le riunioni del direttivo, ma non attività a pagamento,
come risulta dalla delibera di giunta numero 123 del 2015 (di dare atto che la presente Deliberazione non prevede la consegna del bene quale sede definitiva, ma si configura come semplice autorizzazione all’uso dell’immobile per lo svolgimento di riunioni del comitato, che si svolgeranno in date da definirsi di volta in volta, secondo necessità).

Ora si chiede, considerando le numerose violazioni che si configurano e l’intervento di ben tre capi area per bloccare un’attività organizzata da un istituto definito, organizzato e facente parte del Comune di Anguillara, come il comitato di quartiere, non sarà il caso di intervenire, per bloccare definitivamente queste situazioni spiacevoli, nell’interesse del Comune stesso e dei suoi cittadini? Si attende un doveroso riscontro da parte del sindaco e dell’assessore competente, nel frattempo, alla notizia del nostro interessamento, è stata la presidente del comitato stesso a farsi viva arrivando a mandare pec/email in cui si diffidava dall’uso delle immagini che dimostrano l’attività svolta, richiesta, quest’ultima, che viola l’articolo 21 della Costituzione. Inviti mandati anche alla direzione di questo quotidiano e privatamente al Presidente di un’associazione di cui l’autore di questo articolo fa parte, il quale ha trovato l’intrusione nella sua vita privata particolarmente fastidiosa e fuori luogo.

 

Il caso
La Giunta aveva dato come indicazione in quell'area non per il sistema di compostaggio, ma per l'isola ecologica a servizio dei cittadini
immagine


CESANO (RM) - "Nonostante gli sforzi degli operai AMA, la raccolta dei rifiuti è ormai un miraggio. La raccolta differenziata, obiettivo raggiunto dopo venti anni nel Municipio XV, non sembra più essere la priorità. Se non bastasse oggi dobbiamo apprendere dai giornali e dalle parole del'Assessore Montanari, che ad Ostia rassicura i cittadini, la proposta di ospitare un impianto di compostaggio in particolare nell'area compresa tra Cesano ed Osteria Nuova, dove per anni abbiamo combattuto per non ospitare gli autodemolitori.
Non vogliamo essere noi quelli che si oppongono alla risoluzione del sistema di trattamento dei rifiuti, ma il modo, la poca chiarezza, la mancanza di informazioni e di trasparenza ci lascia a dir poco perplessi, soprattutto perchè la nostra Giunta aveva dato come indicazione in quell'area non per il sistema di compostaggio, ma per l'isola ecologica a servizio dei cittadini, a supporto della raccolta differenziata e per il ritiro di rifiuti ingombranti. Se da una parte siamo consapevoli che ormai non possiamo più pretendere niente dal Movimento 5 Stelle, per la nullità delle proposte, dell'azione e della presenza, dall'altra chiediamo la fine di questa supponenza amministrativa supportata da una incompetenza ormai acclarata, ma soprattutto, per questioni di tale rilevanza, chiediamo chiarezza nelle scelte, partecipazione e coinvolgimento dei cittadini. L'ora degli slogan è finita e dopo un anno chiediamo il rispetto dei cittadini e del lavoro fatto con fatica nei tre anni passati". Lo comunica Daniele Torquati Capogruppo Pd XV Municipio.

Ambiente & Territorio
Autorizzato il conferimento di traversine frantumate e pietrisco ferroviario nella cava di Area Basalti
immagine

 

di Silvio Rossi

 

ANGUILLARA (RM) - Un deposito di rocce e materiale di risulta ferroviario occuperanno l’area della cava di Area Basalti in località Quarticillo, nei pressi della Braccianese nel territorio del Comune di Anguillara Sabazia. Così come alcuni cittadini hanno segnalato già anni fa, quando la lotta contro le cave in zona ha avuto inizio, il problema delle estrazioni di materiale basaltico non è legato solamente alle esplosioni, all’aumento di trasporto pesante, alle polveri sottili generate dalle lavorazioni. Le cave lasciano dei “buchi” nel terreno, che in qualche modo devono essere riempiti, e in una situazione dove l’emergenza rifiuti sta attanagliando i centri urbani grandi e piccoli, a partire dalla capitale, il rischio che questi crateri possano essere visti come ottimo alloggiamento per risolvere, almeno temporaneamente, il problema, non è certo una fantasia giornalistica.


La riprova che l’allarme era reale, è la determinazione regionale, con cui si autorizza il conferimento, nell’area della cava, di residui di materiale ferroviario (pietrisco e traversine in cemento) e rocce, per una disponibilità di quasi duecentomila tonnellate l’anno. Sebbene si tratti di materiali prevalentemente inerti, la preoccupazione espressa da alcuni residenti del quartiere è doppia. Da una parte ci si fida poco dell’effettivo rispetto di quanto stabilito nella prescrizione, che prevede solo l’uso di materiali considerati senza sostanze pericolose. Infatti sia nel pietrisco ferroviario che nelle rocce esistono due tipologie di codici CER (Catalogo europeo dei rifiuti), che prevedono la differenziazione tra rifiuti con sostanze pericolose, nel caso dei pietrisco, ad esempio, sono rilevabili, specialmente nello smantellamento di vecchie linee, presenze di materiali amiantiferi. Anche laddove sia comunque rispettata l’indicazione dei materiali, la frantumazione delle traversine (per cui è previsto un impianto specifico), e la movimentazione del pietrisco non sono esenti dalla generazione di polveri sottili che verranno rilasciati nell’ambiente. Ma il problema più grande, indipendentemente dagli accorgimenti che possano essere adottati nel caso specifico, è il principio per cui cave che vengono autorizzate vicino alle abitazioni (sono presenti nei dintorni dell’area gli abitati di Ponton dell’Elce e Colle Sabazio) diventino un invaso idoneo al conferimento di rifiuti, per cui il rischio è che l’autorizzazione odierna possa diventare il cavallo di Troia per ospitare ben altri tipi di rifiuti portati dalla capitale, dove la differenziazione dei residui è un concetto ben lontano dall’essere stato metabolizzato dalla cittadinanza.

Il caso
A quanto ricostruito dagli investigatori, il padre del bimbo ieri sera, intorno alle 20, stava effettuando dei lavoretti nel giardino della loro abitazione a Guidonia
immagine

 

GUIDONIA (RM) - Tragedia a Guidonia, vicino Roma. Un bambino di 5 anni si sarebbe arrampicato su un muretto nel giardino di casa quando un vaso gli è caduto addosso. Il piccolo è stato portato all'ospedale Pertini di Roma dove è deceduto in seguito a un trauma cranico.
Il bambino era in giardino con il papà. A quanto ricostruito dagli investigatori, il padre del bimbo ieri sera, intorno alle 20, stava effettuando dei lavoretti nel giardino della loro abitazione a Guidonia, vicino a Roma, quando il piccolo si è arrampicato su un muretto. Probabilmente a un certo punto ha perso l'equilibrio e stava cadendo così si sarebbe aggrappato a un grosso vaso in muratura che si è staccato cadendogli addosso. Inutile la corsa in auto dei genitori all'ospedale Pertini di Roma. Il bimbo è deceduto in seguito a un trauma cranico

L'Operazione
23 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di appartenere a due distinte associazioni per delinquere finalizzate all’estorsione, l’usura, il riciclaggio
immagine

 

ROMA - Nelle province di Roma, Napoli, Milano e Pescara, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, nel corso di una operazione condotta anche con la partecipazione dei Finanzieri del Nucleo Polizia Tributaria di Roma, stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP presso il Tribunale di Roma su richiesta della locale DDA, nei confronti di 23 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di appartenere a due distinte associazioni per delinquere finalizzate all’estorsione, l’usura, il riciclaggio, l’impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, e il fraudolento trasferimento di beni o valori.
Decine le perquisizioni, tuttora in corso, e un decreto di sequestro di beni emesso dal Tribunale di Roma – Sezione Misure di Prevenzione, su richiesta della Procura della Repubblica – DDA di Roma che i Carabinieri ed i Finanzieri stanno eseguendo con il sequestro di esercizi commerciali (bar, ristoranti, pizzerie e sale slot), immobili, rapporti finanziari/bancari, auto e moto, società, quote societarie.
La maxi-operazione scaturisce da un’indagine dei Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Roma, convenzionalmente denominata “Babylonia”, riguardante due sodalizi criminali in vertiginosa crescita sul territorio capitolino, con base a Roma e Monterotondo (RM).

Concorsi
Al secondo posto si è piazzato il ristorante Harvey
immagine

 

Redazione


ANGUILLARA (RM) - La “Parmigiana di lago” preparata dal ristorante Lo Chalet del Lago del lungolago Reginaldo Belloni ha conquistato il primo premio al IV Concorso Gastronomico “Il Lago in Tavola” organizzato ad Anguillara dall’Associazione Culturale Sabate il 9 giugno nell’ambito delle attività della 57^ Sagra del Pesce. Al secondo posto si è piazzato il ristorante Harvey in piazza Augusto Montori, a due passi dalle rive lacustri, con uno splendido “Trionfo di Lago”. Un piatto davvero innovativo che ha accostato il luccio marinato nell’uovo al gelato di frutti di bosco. Nel Trionfo anche una speciale polpetta di pesce di lago servita su una mousse di pomodoro e basilico. Il terzo posto è andato al ristorante Ciccio Pasticcio in via Doria D’Eboli che ha concorso con “Maltagliati fatti a mano all’uovo al sapore di lago con cannella e zucchine”. Apprezzate anche le preparazioni del Ristorante Da Eva di lungolago Belloni che ha concorso con un “Boccalone al cartoccio con pomodorini e zucchine” e del Ristorante La Nepitella di vicolo dei Pescatori che ha presentato “Tonnarelli al luccio, coregone e tinca”. I premi sono stati assegnati da una giuria di cinque membri (Graziarosa Villani, Domenico Bianchini, Patrizia Onorati, Roberto Rondini e Umberto Giannini) seguendo i criteri del gusto, della presentazione, dell’accoglienza e della tipicità.


Grande entusiasmo è stato manifestato dai vincitori nel corso delle premiazioni che si sono tenute domenica 11 giugno in piazza del Molo nel corso della Sagra. A premiare i partecipanti il presidente della Pro Loco Anguillara Giovanni Smarchi. Oltre ai diplomi i primi classificati hanno ricevuto in dono delle opere di artisti locali: un immagine di Anguillara del fotografo Daniele Ruggeri per il primo classificato, una veduta di Anguillara di Carla Villani per il secondo classificato, una cartella di litografie raffiguranti monumenti di Roma per il terzo classificato.
“Anche questa volta – commenta l’Associazione – l’impegno è stato notevole. L’obiettivo è stato quello di promuovere il consumo del pesce di lago e ci auguriamo che i ristoranti inseriscano nei loro menù le pietanze in concorso. Ringraziamo in primo luogo i ristoratori che si sono messi in gioco, quindi gli artisti che hanno messo a disposizione le loro opere. Vogliamo infine scusarci con quei ristoranti, tra cui il ristorante Al Posto Giusto in via del Trivio, che non siamo riusciti a contattare in vista del concorso. La promozione della pesca – aggiunge l’Associazione resta uno dei nostri obiettivi principali e ci stiamo impegnando per ampliare il più possibile la sezione pesca del Museo Storico della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare Augusto Montori che abbiamo fondato nel 1992 e che da allora gestiamo con grande spirito di volontariato. Il concorso ha dimostrato che il pesce di lago può essere oggetto di infinite ricette tutte da gustare al meglio”.
 

Soldi pubblici
Un costo quindi, per la comunità, che si aggiunge a quello delle varie indennità percepite dagli amministratori pubblici e a quello dei vari gettoni percepiti dai Consiglieri comunali
immagine

 

di Ivan Galea


ANGUILLARA (RM) - Il Comune di Anguillara ha impegnato 5mila euro per rimborsare i datori di lavoro degli amministratori comunali per le assenze effettuate da quest’ultimi per l’espletamento del loro mandato elettivo. La legge dispone infatti che i lavoratori dipendenti, pubblici e privati, componenti dei Consigli comunali, provinciali, metropolitani, delle comunita' montane e delle unioni di comuni, nonché dei consigli circoscrizionali dei comuni con popolazione superiore a 5000 abitanti, hanno diritto di assentarsi dal servizio per l'intera giornata in cui sono convocati i rispettivi Consigli, disponendo inoltre che le assenze dal servizio sono retribuite al lavoratore dal datore di lavoro e che gli oneri per i permessi retribuiti sono a carico dell'ente, in questo caso il Comune di Anguillara, presso il quale i lavoratori dipendenti esercitano le funzioni pubbliche.

Un costo quindi, per la comunità, che si aggiunge a quello delle varie indennità percepite dagli amministratori pubblici e a quello dei vari gettoni percepiti dai Consiglieri comunali.
 

Inizio
<< 10 precedenti
Pubblicitá
SEPARATORE 5PX OFFICINASTAMPA SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DISTANZIATORE
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it)
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact