Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
Il piatto
Cento ospiti hanno degustato il piatto creato dallo chef del Marriott Grand Hotel Flora Raffaele De Mase
immagine

 

di Angelo Parca

 

ROMA - Cento persone al Marriot Grand Hotel Flora di Roma a via Veneto hanno degustato la pasta Squarciarelli, un piatto creato appositamente dall'executive chef Raffaele De Mase del famoso hotel romano in occasione di un evento che ha fatto da trait d’union tra la famosa via della Dolce vita a Roma e la celebre località Squarciarelli. De Mase ha presentato il piatto Squarciarelli presso il rinomato locale di Lino Ventriglia Black Jack di Grottaferrata, in occasione di OFFICINA STAMPA il web talk del giovedì condotto dalla giornalista Chiara Rai.

 

La pasta Squarciarelli ha un sapore unico e può essere preparata utilizzando sia delle fettucine sia dei fusilli come nel caso dei 100 ospiti che hanno degustato il piatto all’esclusivo Grand Hotel Flora della catena Marriot a Roma. Ormai è un connubio di sapori tra le due via Veneto: a Roma e ai Castelli Romani. Sì perché l'esclusivo locale Black Jack di Lino Ventriglia rimane in viale Vittorio Veneto 2 a Grottaferrata e anche lì è possibile degustare la pasta Squarciarelli.

 

Come preparla? Per la pasta occorrono 400 gr di semola di grano duro, 300 di farina 00, 200 grammi di vino rosso e un pizzico di sale. Per realizzare la crema di melanzane, le verdure intere vanno cotte sulla piastra facendo bruciare la buccia esterna, poi aperte e tolta la polpa che va messa in una pentola con cipolla rossa basilico e olio: “Si fa andare la polpa con questo fondo – continua lo chef – poi si frulla e si aggiunge la ricotta romana salata. Dopodiché si lavora la buccia di limone o arancia caramellata. Si puliscono le arance o i limoni, tolta la parte bianca e si taglia la scorsa sottilissima sbollentandola tre volte in acqua normale e per l’ultima volta passata in un composto di acqua e zucchero: si tratta di uno sciroppo realizzato con 200 grammi di zucchero per ogni litro d’acqua”.
Intanto si cuoce la pasta nel bollitore e poi si ripassa in padella con una riduzione di vino e un pezzettino di burro e si manteca con il parmigiano o per i più affezionati alla cucina di Roma con del pecorino romano: ”L’impiattamento è presto fatto – aggiunge De Mase - la crema di melanzane fa da letto nel piatto e le fettuccine mantecate si poggiano sopra e si spolverano con la ricotta salata romana, le zeppe di arancia o limone caramellate e una guarnizione di basilico”.

Amministrative 2017
“Giovane, donna, con grande esperienza amministrativa, Chiara è la persona giusta per guidare il nostro paese”
immagine



CORI
- “Chiara Cochi ha vissuto e lavorato con grande impegno per il mondo sociale del Comune di Cori. Un mondo complesso, composto di persone spesso non capite e non ascoltate che Chiara però, con il suo naturale saper fare di donna, è stata capace di aiutare”. Inizia così l’intervento di Aristide Proietti, Consigliere comunale in quota PSI dal 2011, in sostegno di Chiara Cochi alle primarie del centrosinistra che domenica 23 aprile decreteranno il candidato sindaco alle prossime elezioni amministrative di giugno.
“Chiara ha attivato gli strumenti amministrativi con diligenza e pazienza, sempre a disposizione delle persone più bisognose, come facessero parte della sua famiglia. Possiamo dire che, nei suoi 10 anni di esperienza amministrativa, abbia donato alle attività sociali, alle persone e alle famiglie bisognose del paese, il massimo delle energie e questo mi sento di affermarlo con forza perché ho avuto modo di riscontrarlo personalmente.
Chiara Cochi è l’espressione del valore aggiunto che le donne hanno nel proprio dna: per questo ci troviamo di fronte ad un’opportunità straordinaria. Il suo valore aggiunto è indispensabile per il mondo sociale, per le bellezze naturali, per le bellezze storiche e per il benessere culturale, e dà forza al nostro programma di sviluppo culturale ed economico all’insegna della qualità della vita del paese.
Ritengo che per una donna e soprattutto per Chiara, per come è lei, fare il Sindaco di Cori sia una missione, proiettata a diffondere la cultura della responsabilità sociale e della sostenibilità, sul piano economico, sociale ed ambientale.
Sul piano economico, la donna è certamente la più adatta ad amministrare la grande famiglia comunale, specialmente in tempo di magra, e questo, per l’amministrazione comunale di Cori, è il tempo di magra più arido. Noi non abbiamo timore delle condizioni difficili attuali e delle circostanze avverse che si presenteranno. Insieme guarderemo al presente, ma senza perdere l’obiettivo di un solido futuro, scolpito sull’equità sociale.
Collaboreremo con il Sindaco Chiara Cochi per non perdere un centesimo di ogni occasione che l’economia locale, provinciale, regionale, nazionale e soprattutto europea ci darà la possibilità di intercettare a favore di tutta la Comunità di Cori. Per fare questo, Cori oggi ha bisogno di una donna libera da legacci, che non appartiene ai numerosi comitati d’affari, che da sempre sorvolano come falchi sul bene comune per interessi privati.
Il bene comune va valorizzato e il Psi, con Chiara Cochi, percorrerà ogni strada praticabile, anche sconnessa e difficile, per raggiungere questo obiettivo con l’incremento delle attività culturali e sociali, che sono alla base dello sviluppo all’insegna della qualità della vita.
Abbiamo bisogno di Chiara, Cori ha bisogno di una donna che guidi il Paese e lei crediamo sia quella giusta, la persona adatta a gettare solide basi per il futuro dei nostri figli.
Cominciamo da qui, da questi valori, proseguiamo il cammino iniziato in questi anni e cerchiamo di migliorarlo ogni giorno. Cominciamo da qui, dalle primarie del centrosinistra, da Chiara Cochi come candidata naturale a Sindaco di Cori”.

La scoperta
In manette un pusher di 41 anni
immagine



ROMA - Un seminterrato utilizzato come deposito e base per lo spaccio della sostanza stupefacente. E’ quanto gli agenti della Polizia di Stato del commissariato San Basilio, diretto dal dr. Massimiliano Maset, hanno scoperto nel corso di una operazione finalizzata al contrasto dello spaccio di droga .
Appostamenti hanno portato, ieri, la squadra di polizia giudiziaria, sulle tracce di una macchina, pedinata fino ad un seminterrato. Qui è sceso dall’auto un uomo con le stampelle che si è diretto verso l’ingresso.
Gli agenti, quindi, con un rapido accertamento sulla targa, sono risaliti a un 41enne, con numerosi precedenti di polizia per reati in materia di stupefacenti.
Indosso all’uomo, identificato per E.L., gli investigatori hanno trovato la chiave dello scantinato, che è stato quindi sottoposto a perquisizione
Nel locale, all’interno di una cassaforte, sono stati rinvenuti 1kg di cocaina, 27 cartucce calibro 9x21, una pressa artigianale per il confezionamento in panetti della cocaina, 3 bilancini digitali di precisione, sostanza da taglio, 240 grammi di hashish e una grossa quantità di materiale idoneo al confezionamento della sostanza stupefacente.
Dalla perquisizione personale dello spacciatore, gli agenti sono poi riusciti a recuperare altri 50 involucri contenenti cocaina e due “stecche” di hashish.
Al termine degli accertamenti, il pusher, indagato in stato di arresto per il reato di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente è stato associato presso la casa circondariale di Regina Coeli.

Politica
Il Consigliere comunale di opposizione interviene sulla questione
immagine

 

 

Red. Politica

 

GENZANO (RM) - Accesa polemica durante il faccia a faccia tra il sindaco di Genzano Daniele Lorenzon e il Consigliere metropolitano Flavio Gabbarini andato in onda durante la diretta della trasmissione "Officina Stampa", condotta dal direttore de L'Osservatore d'Italia Chiara Rai, che ha visto come tema centrale Parco Sforza Cesarini interessato da un'ordinanza comunale che ne ha interdetto alcune zone a causa problemi legati alla sicuerezza.


"Emblematico il confronto sulla gestione del parco Sforza Cesarini. - Ha detto il Consigliere comunale di opposizione Fabio Papalia - Qualche settimana fa denunciavamo lo stato di abbandono del parco - prosegue - ora prendiamo atto dell'apertura parziale dello stesso per problemi inerenti la sicurezza. Chi ha governato finora attacca e chi governa ora sbandiera le negligenze di chi li ha preceduti. Il risultato è questo, parco non sicuro e servizio penalizzato. Oltretutto si tratta di un servizio che porta introiti per le casse comunali. Sulla mancanza di sicurezza del parco chiederemo chiarimenti al sindaco e al dirigente per capire lo stato delle cose ma sarebbe opportuno anche capire se ci sono stati eventuali ritardi nell'intervenire. Ritardi che, in queste circostanze, vanno considerati come negligenze che non si possono tollerare. Il patrimonio comunale necessità di una continua valorizzazione che va messa in atto quotidianamente."
 

Politica e Amministrazione
Nella cittadina rocchegiana prende vita un circolo con due figure femminili nel direttivo
immagine


ROCCA DI PAPA (RM)
- La segretaria di Fratelli d'Italia Rocca di Papa, Mariangela Cimini, è lieta di comunicare che sta prendendo corpo il circolo del partito e del suo direttivo, nella figura di Mariangela Cimini segretaria e portavoce e Cristiana Zarneri vice-segretaria e addetta stampa. Per quanto concerne l'amministrazione locale, continueremo a dare il nostro appoggio, non escludendo, laddove fosse necessario, l'esercizio di una costruttiva opposizione per il bene comune del nostro paese. Inizieremo il nostro percorso impegnandoci sul sociale trattando temi come la droga, l'alcolismo, il bullismo , e, a livello nazionale, lo stalkeraggio bancario e l'immigrazione clandestina. Proporremo anche la richiesta di una guardia medica in loco, attiva nelle ore notturne e nei giorni festivi. Invitiamo i cittadini interessati al nostro programma a darci il loro supporto con consigli e proposte sulla pagina fb Fratelli d'Italia Rocca di Papa.

Ambiente & Territorio
Dal 2 maggio chi produrrà meno rifiuti indifferenziati pagherà meno
immagine

 

Red. Cronaca

MANZIANA (RM)
- Da martedì 2 maggio partirà la prima fase operativa per l’introduzione della tariffa puntuale dei rifiuti a Manziana, un nuovo modo di quantificare i rifiuti prodotti e conseguentemente stabilirne il costo.


Dopo l’estensione su tutto il territorio comunale della raccolta porta a porta (ottobre 2014), dopo l’introduzione di servizi complementari come la raccolta domiciliare degli oli esausti e quella delle potature e degli sfalci domestici, dopo l’attivazione di uno sportello informativo dedicato ai rifiuti, la distribuzione gratuita del compost e di sporte in iuta e l’apertura anche domenicale del centro raccolta rifiuti (marzo 2015) e infine, dopo l’attivazione del primo compattatore della plastica del comprensorio (maggio 2015) e la prossima installazione di foto trappole contro l’abbandono stradale dei rifiuti (primavera 2017), l’Amministrazione Comunale, vista l’ottima percentuale di raccolta differenziata raggiunta e in rispondenza alla normativa vigente, ha deciso di introdurre la tariffazione puntuale che per il 2017, in via sperimentale, riguarderà inizialmente il solo rifiuto indifferenziato.

“Con l’introduzione della tariffazione puntuale Manziana taglia un altro importantissimo traguardo e lo fa per prima rispetto ai Comuni del comprensorio facenti parti della Città Metropolitana di Roma – dichiara il Sindaco, Bruno Bruni – Questo passo è stato possibile grazie alla maturità mostrata dai Cittadini che in questi cinque anni hanno con impegno permesso di raggiungere una percentuale della raccolta differenziata altissima. Senza di loro non avremmo potuto introdurre questa novità che va finalmente e concretamente nella direzione di premiare chi produce meno rifiuti e chi meglio li differenzia. Un grande grazie, quindi, a tutti Voi con la speranza e la fiducia che anche questa volta, con la Vostra collaborazione, Manziana vincerà questa sfida, dimostrando che differenziare porta vantaggi all’ambiente, alle casse comunali e al portafogli dei Cittadini.”

Da martedì 2 maggio gli operatori del consorzio Il Pellicano provvederanno a passare casa per casa per inserire in ogni mastello dell’indifferenziato (secchio grigio) il tag identificativo dell’utenza che servirà a misurare il volume del rifiuto prodotto (per coloro che non saranno presenti è comunque a disposizione lo sportello rifiuti aperto in Largo G. Fara il martedì e il giovedì dalle 15 alle 17 e il sabato dalle 10 alle 13).
Per comodità e sicurezza tutti i Cittadini sono comunque invitati a segnare sul secchio con un pennarello il proprio nominativo e/o l’indirizzo di riferimento, così da scongiurare eventuali scambi di mastelli.
La nuova tariffazione permetterà in un certo modo anche di contrastare in maniera più efficace l’evasione che ricade sull’intera Cittadinanza ed in particolare, purtroppo, su chi è regolare nei pagamenti: la legge, infatti, stabilisce che il costo del servizio debba essere sempre e comunque coperto per intero. Grazie alla tariffazione puntuale e all’apposizione dei tag sarà molto più semplice andare ad incidere su chi realmente non paga.

Ma in cosa consiste la nuova tariffazione puntuale? Il principio è semplice: chi più differenza, meno paga. La tariffa sarà articolata in tre macro voci (fermo restando le percentuali che vengono trattenute dalla Città metropolitana e dallo Stato centrale che non possono essere modificate in alcun modo dall’Amministrazione Comunale): metri quadrati, numero dei componenti e, appunto, volume di rifiuto indifferenziato prodotto. I nuclei famigliari che produrranno un minore quantitativo di indifferenziato saranno quindi premiati con una tariffazione più bassa rispetto a chi, invece, produrrà grandi quantità di rifiuto non differenziato.
Per la buona riuscita di questo esperimento, previsto comunque dalla legge come naturale prosecuzione del percorso iniziato con la raccolta differenziata porta a porta, è come sempre richiesta e indispensabile la collaborazione dei Cittadini: i secchi, infatti, dovranno essere esposti esclusivamente se pieni e non sarà possibile lasciare fuori dalle proprie abitazioni altre buste di indifferenziato.


Infatti, uno dei criteri che aiuteranno a calcolare la tariffa da applicare, sarà anche il numero dei ritiri annuali fatti: di base, in questa prima fase sperimentale, verrà comunque calcolato almeno un ritiro al mese per ogni persona facente parte del nucleo famigliare collegato all’utenza (per esempio: un nucleo famigliare di una persona avrà inclusa in bolletta una base di 12 ritiri annui, un nucleo famigliare di tre persone invece di 36 ritiri e così via).
Questo per evitare la spiacevole situazione, spesso ricorrente soprattutto nel primo periodo di transizione, dell’aumento dell’abbandono stradale dei rifiuti o dell’inserimento all’interno degli altri secchi di altre frazioni di rifiuto per ottenere uno sconto che però, raggiunto in questo modo, non solo andrebbe a vanificare gli sforzi fatti nel differenziare i rifiuti e ma anzi andrebbe a raddoppiare i costi del servizio di gestione dei rifiuti.

Per approfondire la tematica ed ascoltare quesiti e dubbi dei Cittadini, saranno fissati degli incontri pubblici le cui date verranno presto rese note dall'Amministrazione locale.
 

Ambiente & Territorio
Intanto prosegue la raccolte di firme da parte del 'Comitato No Pic' che ha raggiunto quota 280
immagine

 

di Ivan Galea


NEMI (RM) - "Sterile polemica pseudo ambientalista alimentata dall’esterno" è con queste parole che il sindaco di Nemi Alberto Bertucci ha definito coloro che sono contrari alla lottizzazione I Corsi. Parole, quelle del sindaco, pronunciate durante l'ultima seduta di Consiglio comunale in occasione della quale è stata delibarata la ratifica degli elaborati, aggiornati con alcune modifiche in ottemperanza a quanto richiesto dalla Regione Lazio.


A rispondere al primo cittadino ci ha pensato il Consigliere di opposizione di 'Partecipazione Democratica' Stefania Osmari che non ha digerito l'esternazione di Bertucci: "Considero offensivo e irrispettoso - ha detto - la qualifica di pseudo ambientalista dato alle legittime perplessità di molti cittadini a tutela del bene pubblico, quando poi si vedono al riguardo ampliamenti di cubature, riduzioni del numero degli abitanti nel piano interessato, in un area poi anche delicata rispetto alla sicurezza idrogeologica". Osmari ha inoltre espresso alcune perplessità riguardo l'effettiva finalità del piano: "Inoltre - ha aggiunto -- la finalità residenziale è accompagnata anche dalla previsione di strutture ricettive, sportive, ispirate piu’ a finalità di profitto, anche se lecitamente."

Intanto prosegue la raccolte di firme da parte del 'Comitato No Pic' che ha raggiunto quota 280 [ PETIZIONE COMITATO NO PIC NEMI ] e che sarà presentata al sindaco Bertucci quale ultimo appello per tentare di fermare quella che da molti viene definita come una vera e propria cementificazione. Un atto più di dissenso morale che d'altro. A questo punto i giochi sembrano davvero chiusi anche se il fatto che su alcuni terreni interessati dal Piano Integrato gravino degli abusi edilizi per i quali lo stesso Comune di Nemi ha emesso una ordinanza di demolizione, dandone comunicazione alla Procura della Repubblica di Velletri, potrebbe inficiarne l'esito finale.    
 

Bilancio previsione 2017-2019
Previsti anche incentivi a favore dei bebè
immagine

 

GENZANO (RM) - Nel bilancio di previsione 2017-2019 un capitolo importante è dedicato agli incentivi fiscali per le famiglie e i soggetti a rischio di esclusione sociale. Nel dettaglio, per il 2017 sono stati stanziati 100mila euro come contributo per indigenti e famiglie in difficoltà economica. Previsti inoltre nuovi contributi sociali per un ammontare complessivo di 30mila euro così stabiliti: 20mila euro di contributi straordinari e 10mila euro per il bonus bebè. Tale incentivo, pensato per stimolare la natalità, erogato dall’amministrazione comunale in sostituzione del contributo regionale, verrà proposto anche per i prossimi anni.

“La manovra che abbiamo approvato ci consente di garantire il mantenimento dei servizi e di potenziare gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, con una attenzione alle fasce più deboli – ha dichiarato il sindaco Daniele Lorenzon –. I contributi stanziati rispondono alla domanda effettiva dell’utenza”.
Quanto al capitolo cultura, per il 2017 sono stati stanziati oltre 475mila euro, segnale dell’importanza che il settore riveste per questa amministrazione, come fattore di crescita socio-economica

Amministrative 2017
Le motivazioni della scelta nella nota del comitato direttivo del Pd di Nemi
immagine

 

NEMI (RM) - In una nota il Pd di Nemi esprime il suo sostegno al candidato Carlo Cortuso. "Il comitato direttivo del Pd di Nemi - si legge all'unanimità ha votato il sostegno al candidato Carlo Cortuso e al gruppo di Ricomincio da Nemi per le prossime elezioni amministrative. Riteniamo che visto il vuoto di programmi seri a concreti, vista la totale mancanza di programmazione e visione ad ampio spettro del sindaco uscente e della sua giunta, vista la voglia di cambiamento che manifestano tanti e tanti cittadini, Carlo Cortuso e il suo gruppo di lavoro, il loro originale, pragmatico e serio programma, rappresentano l'unica possibilità di rinascita per Nemi. Siamo certi che Carlo Cortuso sia per il centro sinistra di Nemi, una figura di grande spessore e serietà in grado di garantire le diverse anime che compongono il vario panorama dell'elettorato di centro sinistra di Nemi, una persona di indiscussa integrità morale e di alta professionalità . Con grande soddisfazione per come si sono svolte le trattative anche con altre forze progressiste presenti a Nemi - conclude la nota del comitato direttivo del Pd di Nemi -  siamo pronti per una campagna elettorale con l'obiettivo deciso di arrivare ad amministrare il paese.

 

Violenza sulle donne
La donna è stata trovata in casa sanguinante al volto ed è stata soccorsa da personale medico
immagine

 

Red. Cronaca


ROMA – Una banale lite degenerata in una violenta aggressione, con schiaffi e gomitate al volto, e in pesanti minacce di morte brandendo un coltello da cucina. E’ lo scenario in cui i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Casilina sono dovuti intervenire ieri, a seguito di una chiamata giunta al “112” da via Sant’Angelo dei Lombardi, zona Villa Gordiani. Qui era stata segnalata una violenta lite scoppiata nell’abitazione di una coppia originaria del Perù.


All’arrivo nell’abitazione, i Carabinieri hanno sorpreso l’uomo, un operaio di 33 anni, mentre, in stato di forte agitazione, stava impugnando un coltello da cucina con cui, poco prima, aveva minacciato di morte la sua compagna, sua connazionale e coetanea, al culmine di una lite. La vittima è stata trovata in casa sanguinante al volto ed è stata soccorsa da personale medico: trasportata all’ospedale Vannini, le è stato riscontrato un forte trauma alla piramide nasale dovuto ad una gomitata assestata dal suo convivente. Ne avrà per pochi giorni. Il 33enne, arrestato con le accuse di maltrattamenti in famiglia e minaccia aggravata, è stato trattenuto in caserma in attesa del rito direttissimo.
 

Pubblicitá
SEPARATORE 5PX OSSERVATORELAZIALETV SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX OFFICINASTAMPA SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DISTANZIATORE
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it)
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact